Come la religione vi inganna sul vostro incredibile futuro

Di David C. Pack

La verità del vangelo—lo stupefacente scopo di Dio per l’uomo—è stata nascosta dal mondo. Questa spiega perché sei nato. È una conoscenza incredibile che ti lascerà sbalordito! Questa meravigliosa comprensione è ora rivelata—insieme all’occultamento per sopprimerla!

Miliardi di persone sono ora ingannate. Miliardi precedentemente lo sono state. Anche voi siete stati ingannati. Una completa seduzione ha avuto luogo, e tutte le religioni del mondo hanno avuto una parte in essa. La conoscenza del vostro incredibile futuro—del vostro MERAVIGLIOSO POTENZIALE—vi è stata nascosta!

Molti si chiedono e si preoccupano circa l’ignoto—e di quello che il loro futuro riserva. Altri temono di non avere neanche un futuro. Ancora altri temono che la civilità non ha un futuro. Non avete più bisogno di dubitare del vostro futuro—o dell’umanità.

Se solo l’umanità sapesse ciò che Dio ha in serbo per essa! Eppure, una soppressione deliberata della verità ha nascosto questa conoscenza a tutti, tranne a pochi. Potete essere un’eccezione—uno dei pochi che non è ingannato!

Il mondo ha creduto a un falso vangelo per 2000 anni. Ha generalmente supposto che Gesù Cristo è il vangelo, piuttosto che il Messaggero di esso. Il Messaggio—il tema principale – del vangelo non è Cristo. Focalizzando l’attenzione su di Lui—il Messaggero—gli impostori religiosi sono stati capaci di sopprimere e di nascondere con successo il Messaggio che Egli portò!

La conoscenza vitale di come l’uomo avrebbe potuto risolvere i suoi problemi e capire lo Scopo Supremo di Dio gli è stata nascosta dal mondo, mantenendola nell’oscurità. L’uomo non sa cos’è nè conosce la ragione della sua esistenza. Non conosce la via all’abbondanza, alla pace e a tutte le cose buone della vita. Il vangelo avrebbe mostrato all’umanità la soluzione per molti dei suoi problemi irrisolvibili.

Eppure, tutti gli apostoli originali, eccetto l’apostolo Giovanni, furono martirizzati per insegnare la verità dell’incredibile scopo di Dio. Gesù fu crocifisso perché il popolo non voleva sentire il Suo Messaggio!

Una corretta comprensione del vero vangelo rivela la conoscenza fondamentale. Esso contiene una dimensione di comprensione che non può essere scoperta attraverso la ricerca scientifica. Ogni presunta «grande religione» del mondo ha contribuito a sopprimerlo. I suoi teologi neppure lo capiscono né sono disposti a insegnarlo. Vedremo che hanno trattenuto la grande chiave che apre il vostro scopo di essere—il VOSTRO MERAVIGLIOSO POTENZIALE!

Com’è accaduto questo? E chi c’è dietro a questa soppressione della conoscenza?

Il super ingannatore

Per gli incolti, la Bibbia è un libro di dichiarazioni sbalorditive. Essa rivela verità sorprendenti, completamente sconosciute anche a coloro che professano di capirla. Ma ci sono alcune dichiarazioni più stupefacenti di quelle trovate in Apocalisse 12:9. Questo versetto dichiara direttamente che Satana il diavolo—che esiste!—«seduce TUTTO il mondo».

Come «principe della POTESTÀ dell'aria» (Efesini 2:2), Satana ha influenzato, guidato, controllato e ingannato completamente le masse inconsapevoli.

Questa è una rivelazione assolutamente sconcertante—così tanto che la maggior parte semplicemente la ignora o la respinge, credendo che non può essere possibilmente vero. Ma è nella vostra Bibbia. E di conseguenza, il mondo intero rimane ingannato dal fatto che è ingannato!

La Bibbia dichiara che, fin dalla sua ribellione prima della creazione dell’uomo, Satana ha fortemente «indebolito le nazioni» (Isaia 14:12) e le ha «ingannate» (Apocalisse 20:3) sia nella comprensione come nella conoscenza fondamentale che spiega lo scopo di Dio. Il suo inganno è stato completo. Più avanti analizzeremo più in dettaglio come lui è così efficace.

Il dio di questo mondo

La Bibbia chiama anche il diavolo il «dio di questo mondo»—un’altra rivelazione stupefacente! Questo è ciò che dichiara 2 Corinzi 4:4 «nei quali, quelli che non credono, il dio di questo mondo ha accecato le menti, affinché non risplenda loro la luce dell'evangelo...».

Satana acceca il mondo al vero vangelo per una ragione personale. Questo descrive il prossimo futuro regno di Dio—il governo mondiale di Dio. Naturalmente, Satana cerca di impedire alle persone di capire questa meravigliosa verità, non volendo che la «luce» splenda sull’incredibile scopo di Dio per l’umanità. Egli vuole che l’umanità, collettivamente e individualmente, pensi che non ha un futuro! In realtà, il diavolo riconosce anche che l’arrivo del regno di Dio significa che egli sarà esiliato dalla sua attuale posizione (Apocalisse 20:2-3) di influenza globale come il dio che l’umanità adora inconsapevolmente. Non gli sarà più permesso di ingannare o indebolire le nazioni. Egli si rende conto anche che non potrà mai ricevere ciò che Dio ha offerto agli uomini.

In Giovanni 12:31, 14:30 e 16:11, Cristo si riferisce a Satana come «il principe di questo mondo». Questi versetti dichiarano che il diavolo un giorno sarà giudicato. Prendetevi un momento per leggerli! Giovanni 12:31 confronta il giudizio di questo mondo con il giudizio di Satana. Perchè? Perché questo mondo è il suo. La dichiarazione ispirata di Paolo rivela che lui è letteralmente il suo «dio».

Questa è la pura verità della vostra Bibbia! La civiltà dell’uomo, con le sue culture, vie e sistemi, è sotto il controllo del diavolo!

Considerate. Se Satana ha ingannato il mondo intero, allora questo non può essere il mondo di Dio. E dal momento che tutto il mondo è ingannato, esso è separato da Dio. Le persone ingannate non conoscono lo scopo della loro esistenza, e praticano vite che riflettono questa ignoranza (Isaia 59:1-2; Geremia 5:25).

Potremmo chiederci: Come può un solo essere ingannare più di sei miliardi e mezzo di persone? Ci sono due modi principali.

Primo, Apocalisse 12:9 conclude con «egli fu gettato sulla terra; con lui furono gettati anche i suoi angeli». Notate che dice, «i suoi angeli». Questi esseri, che egli guida, sono riferiti come demoni (o angeli caduti), e assistono Satana nel suo ruolo di super ingannatore. Quindi, Satana non lavora solo—egli ha milioni di esseri spirituali ingannati (angeli caduti) che lo aiutano.

Ma c’è molto di più da capire. Vi è un secondo modo, ugualmente importante, attraverso il quale Satana ha ingannato con tanto successo a un così vasto numero di persone—e gli ha nascosto il loro enorme potenziale.

Satana ha ministri

Il Cristianesimo è rappresentato da centinaia di confessioni e sette differenti, in concorrenza, contendenti—e moltiplicate. Il presunto Cristianesimo appare in ogni forma, sapore, colore e consistenza della credenza e dell’usanza concepibile. Molti hanno presunto che questo è lo stato naturale delle questioni nel mondo «Cristiano»—che questo è il modo in cui Dio deve volerlo.

Quanto in errore essi sono!

Detto in altro modo, questo significa che ci sono centinaia di migliaia, e forse milioni, di ecclesiastici che rappresentano e insegnano le credenze di questo caleidoscopio di forme differenti e disaccordanti del Cristianesimo. La maggioranza che frequenta queste diverse chiese ha anche presunto, perciò, che tutti questi generalmente devono essere ministri di Dio—che rappresentano e insegnano ciò che Dio vuole insegnare. Non ci potrebbe essere una presupposizione più pericolosa—o più chiaramente SBAGLIATA!

Ecco qui ancora un’altra dichiariazione stupefacente!

Come il dio di un mondo completamente ingannato, che deve, perciò, includere tutte le differenti forme di Cristianesimo e le altre religioni, Satana ha i suoi propri rappresentanti. Egli usa questi rappresentanti perché diffondano involontariamente le sue false dottrine. Sì, egli ha potuto raggiungere questo successo quasi universale perché il diavolo HA I SUOI PROPRI MINISTRI! Naturalmente, i suoi rappresentanti—i suoi ministri—sono essi stessi ingannati a credere che sono ministri di Dio. Alcuni insegnano qualche aspetto della verità di Dio, ma praticamente nessuna delle Sue più importanti verità!

Ora notate 2 Corinzi 11:13-15. L’apostolo Paolo avvertì dell’astuzia con cui i ministri di Satana ingannano con successo: «Tali falsi apostoli infatti sono degli operai fraudolenti, che si trasformano in apostoli di Cristo. E non c'è da meravigliarsi, perché Satana stesso si trasforma in angelo di luce. Non è dunque gran cosa se anche i suoi ministri si trasformano in ministri di giustizia, la cui fine sarà secondo le loro opere».

Questa è una scrittura schietta e stupefacente. Eppure, è vero che i ministri di Satana appaiono essere i ministri di Dio. Afferrate questo! Satana non parla direttamente agli esseri umani. Egli opera attraverso i suoi servi—i suoi ministri!

E qui è il più grande inganno di questi falsi ministri: Il diavolo li usa come strumenti per diffondere un falso vangelo riguardo alla Persona di Gesù Cristo—invece del Suo Messaggio del regno di Dio, quello che Cristo portò. La più grande verità che i ministri, i teologhi e i religiosi di questo mondo negano è l’incredibile potenziale che ogni essere umano porta.

I seguenti versetti continuano la descrizione di Paolo dell’opera dei falsi ministri. Dimostrano il continuo pericolo dei rappresentanti di Satana che cercano di penetrare nella vera Chiesa per accecare i veri servi di Dio una seconda volta dalla meravigliosa verità del vangelo e riportarli all’oscurità. Notate: «Ma io temo che, come il serpente sedusse Eva con la sua astuzia, cosí talora le vostre menti [i fratelli Corinzi] non siano corrotte e sviate dalla semplicità che ci dev’essere verso Cristo. Se uno infatti venisse a voi [parlando dei falsi predicatori] predicando un altro Gesù... o se voi riceveste un altro spirito... o un altro vangelo che non avete accettato...» (2 Corinzi 11:3-4).

Paolo avvertì di un «altro» spirito che poteva anche entrare nella vera Chiesa. Questo spirito molto diverso pervertì tanto la verità del vangelo quanto il vero Cristo della Bibbia. Storicamente, il Cristianesimo falsificato di oggi apparve per la prima volta quasi immediatamente dopo la morte e la resurrezione di Cristo.

Anche, chiedetevi: Se Cristo è il vangelo, allora perché citare «un’altro Gesù» e «un’altro vangelo» come a due errori dottrinali distinti?

Ritorneremo a questo.

Gli avvertimenti del Nuovo Testamento

Il Nuovo Testamento contiene numerosi avvertimenti di seduttori, ingannatori, ciarlatani e impostori che cercherebbero di entrare nella vera Chiesa e di deviare i seguaci verso false dottrine. Molti degli apostoli, in un modo o nell’altro, praticamente avvertirono tutte le congregazioni di questo pericolo. E’ in questo stesso sistema di falso Cristianesimo in cui molte persone sono nate e hanno vissuto la loro vita.

L’apostolo Pietro avvertì contro i falsi maestri «fra voi (la Chiesa)». Notate: «Or vi furono anche dei falsi profeti fra il popolo, come pure vi saranno fra voi dei FALSI DOTTORI che introdurranno di nascosto eresie di perdizione e, rinnegando il Signore che li ha comprati, si attireranno addosso una fulminea distruzione. E MOLTI seguiranno le loro deleterie dottrine, e per causa loro la via della verità sarà diffamata. E nella loro cupidigia vi sfrutteranno con parole bugiarde» (2 Pietro 2:1-3).

Queste sono parole forti. Così come i falsi profeti afflissero continuamente l’antico Israele, la Chiesa è stata aggredita nel corso dei secoli da «falsi maestri» che, attraverso «parole bugiarde» sedussero a «molti» a seguirli. La loro meta era di attrarre le persone fuori dalla «via della VERITÀ».

L’apostolo Giuda, il fratello minore di Cristo, fu ugualmente diretto nel suo avvertimento: «Carissimi, avendo una grande premura di scrivervi circa la nostra comune salvezza... per esortarvi a combattere strenuamente per la fede, che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre. Si sono infatti INFILTRATI certi uomini, che sono stati da tempo designati per questa condanna, empi che mutano in dissolutezza (autorizzazione a violare la Legge di Dio) la grazia del nostro Dio...» (Giuda.3-4).

Questa potente accusa descrive a coloro che «si infiltrarono» e indussero alcuni a non lottare più per «la fede che gli era stata trasmessa una volta». Notate che dice, che alcuni di questi impostori sono stati «da tempo designati ». Perché essi erano empi, insegnavano anche ad altri a violare La Legge di Dio. Esamineremo Atti 8 per un momento per capire meglio da dove vennero questi uomini. Il loro sistema e le loro dottrine sono tutt’altro che nuove.

Giovanni registrò quasi un capitolo intero delle parole di Cristo dell’avvertimento a tutte le Sue future pecore. Cristo fa ogni sforzo per descrive la vera natura dei falsi leader e maestri. Ecco alcuni frammenti estratti da questo capitolo:

«Chi non entra per la porta nell'ovile delle pecore [la Chiesa]... quello è un LADRO e un BRIGANTE... il pastore [Cristo e Il Suo fedele ministero] delle pecore... le pecore lo seguono, perché conoscono la Sua voce. Non seguiranno però alcun ESTRANEO, ma fuggiranno lontano da lui, perché non conoscono la voce degli ESTRANEI... Perciò Gesù disse... io sono la porta delle pecore. Tutti quelli che sono venuti prima di Me sono stati LADRI e BRIGANTI, ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta; se uno entra per mezzo di me sarà salvato; entrerà, uscirà e troverà pascolo. Il LADRO non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; ma Io sono venuto affinché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. Io sono il buon pastore; il buon pastore depone la sua vita per le pecore. Ma il MERCENARIO... vede venire il LUPO... fugge, e il LUPO rapisce e disperde le pecore. Or il MERCENARIO fugge, perché è MERCENARIO e non si cura delle pecore» (10:1-13)

Prendetevi il tempo per leggete questo intero capitolo. Notate la ripetizione dei termini «lupo», «estraneo», «ladro», «brigante» e «mercenario»—questi ultimi sono quelli che abbandonano il gregge, perseguendo interessi personali. Nel corso della storia della Chiesa, quando i nemici minacciavano il popolo di Dio, la maggior parte dei ministri abbandonava il gregge, e molte pecore erano ingannate e portate via dalla Chiesa di Dio e dalla Sua verità.

Oltre ai Corinzi, Paolo avvertì diverse altre congregazioni. Ecco quello che disse ai Galati dopo che erano caduti nelle false dottrine: «Voi correvate bene; chi vi ha ostacolato impedendovi di ubbidire alla VERITÀ? Questa persuasione non viene da Colui che vi chiama. Un po' di lievito fa fermentare tutta la pasta» (Galati 5:7-9).

I Galati non seguirono la giusta via. Non capivano che una po’ di falsa dottrina («lievito») alla fine si diffonde (come il lievito nella pasta) attraverso «tutta la massa» di molte verità di Dio. Vedremo che questi Galati stavano perdendo la loro comprensione del vangelo.

Il mistero dell’iniquità

Ora passiamo a un avvertimento che Paolo diede ai Tessalonicesi, in cui parlò di un «mistero dell’iniquità» che stava già operando nella Chiesa del primo secolo. Il contesto qui (2 Tessalonicesi 2:3) contiene anche una descrizione degli eventi che precedono immediatamente al Ritorno di Cristo. L’«apostasia» e la manifestazione dell’«uomo del peccato... il figlio della perdizione» dovrebbe accadere prima della Seconda Venuta di Cristo. Egli scrisse: «Il mistero dell'empietà infatti è già all'opera» (2 Tessalonicesi 2:7). Paolo capiva che certi eventi stavano «già» accadendo nella Chiesa a quel tempo, proprio come sarebbero venuti a essere, una volta ancora, alla tempo della fine.

Il libro degli Atti descrive gli eventi in Samaria e fornisce più fatti da considerare: «In quel tempo ci fu grande persecuzione contro la chiesa che era in Gerusalemme; e furono tutti dispersi per le contrade della Giudea e della Samaria, ad eccezione degli apostoli... Coloro dunque che furono dispersi andavano attorno, annunziando la parola. Or Filippo discese nella città di Samaria… E vi fu grande gioia in quella città» (Atti 8:1, 4-5, 8).

Quando la pura verità della Parola di Dio è predicata a coloro che, le cui menti sono state aperte, porta «grande gioia».

Più avanti, alcuni versetti si riferiscono a un Simone che esercitava le arti magiche—spesso chiamato Simone il mago da vari storici della chiese. Quest’uomo aveva un’enorme influenza nella città di Samaria che era prevalentemente pagana. Egli era parte del sistema di mistero contro cui Paolo avvertì i Tessalonicesi (vedete anche Apocalisse 17:5, e più avanti in questo libro). Questo stesso sistema potente, originalmente guidato da Simone, ha continuamente cercato di entrare nella vera Chiesa.

Ora notate: «Or in quella città vi era da tempo un uomo di nome SIMONE, il quale esercitava le arti magiche e faceva stupire la gente di Samaria, spacciandosi per un grande uomo. E tutti, dal maggiore al minore, gli davano ascolto, dicendo: “Costui è la grande potenza di Dio”. E gli davano ascolto, perché già da molto tempo li aveva fatti strabiliare con le sue arti magiche» (Atti 8:9-11)

La Bibbia spiega quale «parola» predicò Filippo: «Quando però credettero a Filippo, che annunziava la buona novella delle cose concernenti IL REGNO DI DIO e il nome di GESÙ CRISTO, uomini e donne si fecero battezzare» (Atti 8:12). Notate che questi in Samaria furono battezzati solo dopo che «credettero» a questo messaggio—il regno di Dio—non a qualche idea contraffatta, umanamente inventata.

Ecco ciò che Paolo scrisse agli Efesini. Questo passaggio descrive vari uffici che Cristo stabilì nel Suo ministero del Nuovo Testamento. Spiega lo scopo di tali uffici per edificare, unificare, e perfezionare i fratelli nella Chiesa di Dio. Notate: «Ed Egli stesso ha dato alcuni come APOSTOLI, altri come PROFETI, altri come EVANGELISTI e altri come PASTORI e DOTTORI, per il perfezionamento dei santi, per l'opera del ministero e per l'edificazione del corpo di Cristo, finché giungiamo tutti all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio a un uomo perfetto, alla misura della statura della pienezza di Cristo, affinché non siamo più bambini sballottati e trasportati da ogni vento di dottrina, per la frode degli uomini, per l’astuzia che mira ad usare insidie di errore, ma, seguendo la VERITÀ nell’amore, cresciamo in ogni cosa in colui che è il Capo, cioè Cristo» (Efesini 4:11-15).

Questa è un’altra serie di avvertimenti molto forti e istruttivi al popolo di Dio. Cristo intendeva che le Sue pecore ascoltano i veri ministri e che riconoscono i falsi «venti di dottrina» che potrebbero essere confezionati in modi «astuti» e «abili».

Verso la fine del ministero di Paolo, poco prima di essere processato per la sua vita, si incontrò con gli anziani riuniti in Efeso. Questa fu una riunione commovente, perché sapeva che non li avrebbe più rivisti. Prese il tempo per ricordare i loro obblighi, e quello che gli aveva insegnava continuamente in un periodo di tre anni! La responsabilità che Paolo descrisse rimane per il vero ministero di Dio di oggi.

Notate attentamente come Paolo sottolineò l’importanza di predicare il regno di Dio: «Ed ora, ecco, io so che voi tutti, fra i quali sono andato e venuto predicando il REGNO DI DIO, non vedrete più la mia faccia... Badate... a tutto il gregge... per pascere la chiesa di Dio... Infatti io so questo che dopo la mia partenza, entreranno in mezzo a voi dei LUPI RAPACI, i quali non risparmieranno il gregge, e che tra voi stessi sorgeranno degli uomini che proporranno cose perverse per trascinarsi dietro i discepoli. Perciò VEGLIATE, ricordandovi che per lo spazio di tre anni, giorno e notte, non ho mai cessato di ammonire ciascuno con lacrime» (Atti 20:25, 28-31).

Quello che Paolo aveva avvertito accadde. Gli eretici entrarono non solo nella congregazione di Efeso ma nella maggior parte del resto della Chiesa di Dio e la sovvertirono alla falsa comprensione e alle false pratiche. Gli storici della Chiesa normalmente si riferiscono al periodo dalla metà del I secolo d.C. alla metà del II secolo d.C. come «il secolo perso».

Durante questo periodo, la Chiesa visibile cambiò radicalmente in apparenza, diventando quasi irriconoscibile. I veri credenti che rimasero, i quali erano una piccola minoranza, furono costretti a fuggire dalla visibile maggioranza, che cadde in errore. La conoscenza del meraviglioso scopo di Dio per l’esistenza umana si perse per la stragrande maggioranza di coloro che furono trainati verso una falsa salvezza.

Fin dal I secolo, quando Cristo stabilì la Sua Chiesa, ha dovuto lottare per la verità. Il popolo di Dio ha sempre dovuto fare attenzione—estremamente vigile—sui pericoli dei falsi ministri che entrano in mezzo a loro e pervertono alcune o tutte le dottrine di Dio. E questi impostori insegnano sempre un falso vangelo. Ricordate, Paolo avvertì i Corinzi che erano stati «sedotti» ad accettare un «altro vangelo» (2 Corinzi 11:4). (Il mio esteso libro Dov’è la vera Chiesa?—e la sua incredibile storia! Tratta questo affascinante argomento in dettaglio).

Nel prossimo capitolo, vedremo perché il VERO vangelo—e il REGNO DI DIO venturo—contiene le risposte ai grandi problemi dell’umanità. Preparatevi per la comprensione—e fatti sconvolgente!

130625
IF

Altre Letterature